Proposta letteraria / Propuesta literaria

L’appuntamento era nel solito bar, quello all’angolo.

Nella telefonata era stato specificato di portare il suo block notes.

-” Puntuale alle dieci, unica raccomandazione “.

Indaffarata come sempre Lupe iniziò a preoccuparsi. Chi avrebbe dovuto incontrare? Come si sarebbe dovuta vestire per quell’incontro?

Erano le otto e mezza, l’acqua per il bagno era pronta. Portò solo l’asciugamano e la vestaglia rosa.

Finito di rilassarsi si diresse verso l’armadio.

Tirò fuori un po’ di completi. Un tailleur  nero; una gonna al ginocchio e una camicia a fiori; per ultimo un tubino, che scartò immediatamente.

Decise di indossare la gonna e la camicia, ai piedi: delle scarpe con tacco medio. Nei capelli una coda di cavallo, e il trucco molto sobrio.

Mancava solo la borsa, che doveva essere capiente, oltre alle solite cose ci doveva stare il quaderno con i suoi appunti.

Fumò velocemente l’ultima sigaretta. Si spruzzò qualche goccia di profumo.

Era ora di partire.

Arrivò con qualche minuto d’anticipo, si accomodò in un tavolino vicino alla porta. L’ansia era calata.

Alle dieci entrò un uomo di mezza età, chiese al cameriere della signora Lupe, li indicarono il suo tavolino.

Si avviò verso di lei a passo lento, ma deciso.

Si presentò: ” il mio nome è: Lev Tolstoj ( come lo scrittore ) sono un lontano parente, forse l’unico rimasto”.

Ho convocato lei perché ho un compito assai interessante da offrirle. Vorrei che fosse riscritto ” Anna Karenina”, i miei collaboratori mi dicono sia adatta; ed io mi sono sempre fidato delle persone che lavorano per me.

Lupe rimase sbalordita, sconcertata e incuriosita. “Perché io? Se ci deve esistere un seguito a questo libro, o ancora uno nuovo; non sarebbe giusto che lo scrivesse lei? ”

Ecco dice Lev: ” Mi aspettavo questa domanda. Non ho mai voluto questo nome, è così impegnativo. Io non sono niente di quello che era lui, ho solo lo stesso nome; e intendo fare qualcosa visto che ci dovrò convivere fino alla fine dei miei giorni.

Sono uno che in vita sua non ha mai combinato niente: non ho famiglia, pochissimi amici e un patrimonio inestimabile ( non per merito mio, si capisce ). Alla mia morte erediterà tutti i miei beni e il mio danaro chi saprà rendermi ( per così dire ), anche solo in parte un po’ come lui, e dare un senso alla mia triste esistenza.

Arrivo subito al punto signora Lupe, se lei accetta di riscrivere questo capolavoro per me, come avrà ben capito, non si saprà mai de il suo nome. Sarò a tutti i sensi io l’autore.

Ho già preparato un contratto dove lei rinuncia a farlo sapere. In cambio alla mia morte sarà la proprietaria di tutto quello che posseggo, e erediterà anche i diritti per il libro. Naturalmente il suo lavoro verrà pagato come si deve, e anche il suo silenzio.

Buffa proposta, lo so! Ma ci pensi.

Adesso vorrei portarmi a casa qualche scritto suo, così da essere sicuro che sto assegnando nelle mani giuste la mia vita.

Se per lei non è un problema, attendo la risposta, entro e non oltre il fine settimana.

Questo è il mio numero di telefono”, e fa scivolare sul tavolo un bigliettino. Se non ricevo la sua telefonata, vorrà dire che ha deciso di non accettare; e mi rivolgerò a qualcun altro.

Che tenga una felice giornata signora mia, e se ne andò.

Sì, lui se ne era andato, tranquillo come quando era arrivato.

Ma Lupe era rimasta impietrita, incredula.

Ordinò un caffè per chiarirsi le idee.

Certo che ci voleva un bel coraggio per far simile proposta.

Dall’altro canto poteva diventare milionaria. Ma quando? Alla sua morte, aveva detto. E se a morire fosse prima io? Chi avrebbe goduto del frutto del suo lavoro?

Bel buffone, mi vuole incastrare!

Solo perché non ho un soldo, però possiedo un po’ di talento.

Che se lo trovi da solo il suo nuovo Lev Tolstoj, pagliaccio.

E abbandonò il bar, dopo aver pagato la sua consumazione.

La cita era en el bar habitual, el de la esquina.

Al telefono le habìan especificado de llevar su cuaderno de apuntes.

Puntual a las diez, fue la ùnica recomendaciòn.

Con tantas cosas por hacer como siempre, Lupe empezò a preocuparse. A quièn habrìa encontrado? Como se debìa vestir para ese encuentro?

Eran las ocho y media, el agua del baño estaba ya caliente. Llevò solo la toalla y su bata rosada.

Cuando terminò de relajarse, se dirigiò hacia el ropero.

Sacò un poco de ropa, para decidir que ponerse. Un trajecito negro; una pollera a las rodillas y una camisa floreada; un vestido adherente, que descartò inmediatamente.

Se decidiò por la pollera con la camisa, a los pies: un par de zapatos con taco medio. Al cabello, una cola simple y el maquillaje tenue.

Faltaba solo la cartera, que tenìa que ser grande, ademàs de las cosas de siempre, necesitaba espacio para el cuaderno con sus anotaciones.

Se fumò ràpidamente el ùltimo cigarrillo. Y se rocìo con unas gotas de perfume.

Era hora de salir.

Llegò a la cita algunos minutos antes de lo establecido, se acomodò en una mesa cerca de la puerta. El ansia habìa desaperecido.

A la diez entrò un hombre de media edad, le preguntò al camarero por la señora Lupe, le señalaron la mesa donde estaba sentada.

Llegò hasta ahì con paso lento, pero decidido.

Se presentò, mi nombre es: Leòn Tolstoy ( como el escritor ), soy un pariente lejano, creo el ùnico que queda.

La mandè a llamar porque tengo una tarea bastante interesante para ofrecerle. Me gustarìa que se rescribiera ” Ana Karenina”, mis colaboradores creen que usted es la persona justa; y yo confìo en quièn trabaja para mì.

Lupe se quedò asombrada, sin palabras y con una curiosidad tremenda.

Por què yo? Si tiene que haber una continuaciòn a este libro, o uno nuevo; lo justo no serìa que lo escribiera usted?

Ah, dice Leòn: me la esperaba èsta pregunta. Nunca quise llevar este nombre, es muy pesado. Yo no soy nada de lo que era èl, tengo solo el mismo nombre; pero quiero hacer algo visto que voy a tener que convivir hasta el final de mis dìas.

Soy un tipo que en la vida nunca concretizò nada. No tengo familia, muy pocos amigos y poseo un patrimonio indefinible ( no por merito mìo, se entiende ). A mi muerte podrìa heredar todos mis bienes y mi dinero, si sabrà hacer di mì, aunque sea solo en parte, algo de lo que era èl. Y darìa un sentido a mi triste existencia.

Pongo en claro enseguida la situaciòn señora Lupe, si usted acepta de reescribir en mi lugar esta obra maestra de la literatura, como habrà bien entendido, no se vendrà a saber nunca de su nombre. Serè yo el autor a todos los efectos.

Tengo ya preparado un contrato, donde se especifica que renuncia a hacerlo saber. En cambio a la mia muerte serà la propietaria de todo lo que tengo y herederà tambièn los derechos del libro.

Naturalmente su trabajo vendrà pagado como se debe y tambièn su silencio.

La propuesta hace sonreìr, lo sè! Pero lo piense bien igualmente.

Si no es un problema, espero la respuesta para este fin de semana.

Este es mi nùmero de telefono, e hizo correr sobre la mesa una tarjeta de visita. Si no recibo su llamada, querrà decir que dicidiò no aceptar. Entonces me dirigirè a alguna otra persona.

Que pase un buen dìa señora mìa, y se fue.

Sì, èl se fue, tranquilo como cuando habìa llegado.

Lupe se habìa quedado de piedra, no lo podìa creer.

Ordenò un cafè para aclararse las ideas.

Que corajudo hay que ser par hacerme tal propuesta.

De otro lado puedo volverme millonaria de un dìa para el otro. Cuando? A su muerte, habìa dicho. Y si me muero yo antes? Quièn gozarìa del fruto de mi trabajo?

Caradura, me quiere encastrar!

Solo porque no tengo un mango y me sobra el talento.

Que se lo busque solo su nuevo Leòn Tolstoy, payaso.

Y abandonò el bar despuès de haber pagado su consumaciòn.

images (21)

Annunci

2 pensieri su “Proposta letteraria / Propuesta literaria

    • E vero erano gli inizi del blog, e quando facevo la traduzione al castellano, in particolare in questo articolo, ho dimenticato di tradurre una parte della storia, che poi volutamente ho lasciato così, perché amo vedere i cambiamenti. Scrivo per me, perché mi piace, perché mi diverte, e adoro vedere a distanza di tempo i miglioramenti, o peggioramenti… Sono molto utili!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...