Cadere e rialzarsi / Caerse y levantarse

Mi sono sentita a pezzi in questi giorni, non ho capito tante cose e forse non le capirò mai.

Credetemi, avrei tutti i motivi per presentarmi da voi lamentosa oggi, lagnosa. Invece non lo farò.

Perché ho capito che a mio fianco ho tutto quello di cui ho bisogno: la mia forza, la mia ricarica; e perciò anzi che guardare il lato brutto di quel che è successo, scelgo di perdermi nei loro occhi, nella profondità del loro sguardo.

E ancora una volta vado avanti, perché cadere fa parte del cammino, ed io ho imparato a cadere magnificamente bene!

sandro-giordano.jpg

Immagini reperite dal web

Me he sentido a pedazos en èstos dìas, no he entendido muchas cosas y quizàs nunca las entenderè.

Crèanme tendrìa todos los motivos para presentarme a ustedes con miles de quejas. Pero ya basta de protestar.

Sucediò que me dì cuenta que a mi lado tengo todo lo que necesito: mis fuerzas, mi recarga; y por eso èsta vez, en lugar de mirar el lado feo de lo que pasò, elijo de perderme en sus ojos, en la profundidad de sus miradas.

Y una vez màs sigo adelante, porque caerse es parte del camino, y yo aprendì a caer en modo espectacular.

cooltext1922558938

Il primo bacio / El primer beso

Ho baciato le tue labbra rosso carminio

con l’ innocenza del primo amore,

con la passione mascherata da illusione.

Mi hai baciato al chiaro di luna,

in una panchina qualsiasi della piazza del paese.

Ci siamo baciati coscienti che le

nostre strade si sarebbero divise un giorno.

Forse per quello il ricordo persiste ancora

ed è più bello di prima.

tumblr_nqh02scQUk1un6t8yo1_500.png

Te besè en los labios color carmìn

con la inocencia del primer amor,

con la pasiòn disfrazada de ilusiòn.

Me besaste al claro de luna

en un banco cualquiera de la plaza del pueblo.

Nos besamos conscientes de que nuestros

caminos se separarìan un dìa.

Por eso el recuerdo persiste todavìa

y es aùn màs bello.

cooltext1922558938

Ricettario letterario: I piatti dei nostri scrittori / Recetario literario: los platos de nuestros escritores

A casa di Gatsby

Il venerdì apre le porte al lungo fine settimana, e per l’occasione il grandioso Francis Scott Fitzgerald ci offre uno spumeggiante e colorato aperitivo a casa di Gatsby.

Venite con me, ricordate che non serve l’invito.

Almeno una volta ogni quindici giorni uno stuolo di addetti al catering arrivava con svariate misure di tela e innumerevoli lampadine colorate per trasformare l’enorme giardino Gatsby in un albero di Natale. Sui tavoli del buffet, ornati di antipasti luccicanti, prosciutti al forno speziati si stringevano accanto a insalate arlecchino e pasticci di maiale e di tacchino in crosta stregati di oro cupo. Nel vestibolo più grande veniva allestito un bar con un parapetto  di ottone vero, ben rifornito di gin e liquori.

Il bar funzionava a pieno regime e fluttuanti giri di Cocktail impregnavano il giardino, finché l’aria si riempiva di chiacchiere e risa, mentre insinuazioni e presentazioni fortuite vengono dimenticate lì per lì, e così pure gli incontri entusiastici fra donne che non hanno mai saputo i rispettivi nomi.

Francis Scott Fitzgerald

Leonardo-DiCaprio-The-Great-Gatsby-Movie-Wallpapers.jpg

Di norma utilizzo per questa rubrica la foto dello scrittore del libro, in questo caso non ho resistito al fascino Di Caprio. Saprete perdonare!

A casa de Gatsby

El viernes abre las puertas al largo fin de semana, y para la ocasiòn el grandioso Francis Scott Fitzgerald nos ofrece un fantàstico y colorado aperitivo en la casa de Gatsby.

Vengan conmigo, recuerden que no sirve la invitaciòn.

Al menos una vez cada quince dìas un grupo de adeptos al sercicio de comidas a domicilio llegaba con distintas medidas de telas e innumerables lucecitas de colores para transformar el enorme jardìn de Gatsby en un àrbol de Navidad. Sobre las mesas del bufè, entradas decoradas, jamones especiados al horno al lado de ensaladas arlechino, pasteles de carne de cerdo y de pavo, bañados de oro puro. En el vestìbulo màs grande se organizaba el servicio de bar con techo de bronce verdadero, el todo bien abastecido de ginevras y licores.

El bar funcionaba a pleno règimen y fluctuantes giros de còctel impregnaban el jardìn, hasta que el aire se llenaba de charlas y risas, mientras insinuaciones y presentaciones venìan olvidadas ahì por ahì, y asì tambièn los encuentros entusiastas entre mujeres que nunca han conocido sus respectivos nombres.

Francis Scott Fitzgerald

Traducciòn al español cooltext1922558938

Edera / Enredadera

Voglio sorrisi e lacrime,

alba e crepuscolo.

Voglio inciampare con pietruzze,

e saltare pozzanghere quando piove.

Luna e stelle.

Parole vere

a stupidi messaggi.

Voglio che tu sia l’edera

che si arrampica fino al mio balcone:

solo per rubarmi un bacio.

10557346_10152396383649132_5448496416520391077_n

Quiero risas y llantos,

amanecer y atardecer.

Quiero tropezar con piedras

y saltar charcos cuando llueve.

Luna y estrellas.

Palabras verdaderas

a mensajes de texto.

Quiero que seas la enredadera

que se trepa a mi balcòn:

sòlo para robarme un beso.

cooltext1922558938

Giallo / Amarillo

Raggiungimi là dove vivono i sogni,

dove l’aria profuma di primavera

e il vento capriccioso gioca a spettinarmi.

Dove il giallo non è un semplice colore,

dove il fiore padroneggia in tutto il suo splendore.

Qui si che il tempo si arresta,

beata creatura la natura.

Se solo tu amore ingrato

provassi a vedere al di là del tuo naso…

Ti aspetto un secondo,

No, meglio in un’altro mondo!

DSC_0040.JPG

Alcànzame allà donde viven los sueños,

donde el aire perfuma de primavera

y el viento caprichoso juega a despeinarme.

Donde el amarillo no es un simple color,

donde la flor reina en todo su esplendor.

Aquì sì que el tiempo se detiene,

bendita creatura la naturaleza.

Si sòlo vos amor ingrato

pudieras ver màs allà de la punta de tu nariz…

Te espero un segundo, no mejor en otro mundo!

cooltext1922558938

DISNEY TAG

walt-disney-screencaps-the-walt-disney-logo-walt-disney-characters-31865565-2560-1440.jpg

Ringrazio Marta Vitali di https://pensieriloquaci.wordpress.com per aver pensato a me!

Regole:

Usare la immagine logo Disney

Ringraziare, l’ideatore della catena. Ringrazio: https://sbadatamentecomplicata.wordpress.com

Ringraziare chi vi ha nominate, io ringrazio Marta .

Comporre una classifica di dieci brani Disney, scelti tra i nostri preferiti e se ne avete da raccontare aneddoti della vostra vita legati al brano o al film in toto.

Nominare cinque blogger.

A volte ci metto un po’ di tempo a rispondere ai tag, altri me ne dimentico, e altre ancora non ne ho voglia!

Questa volta partecipo volentieri, visto che nel mio precedente articolo ho parlato di un personaggio Disney. Dovete però sapere che ho fatto i compiti prima di rispondere, quindi munitevi di pazienza.

  • Aladdin: Questa colonna sonora fece vincere al suo compositore ” Alan Menken “ un Academy Award e  un Golden Globe per la migliore colonna sonora originale.
  • Mary Poppins: film uscito nel 1964.

La colonna sonora è stata composta da ” Richard M. Sherman, Robert B. Sherman e Irvin Kostal. Vincitrice di un Oscar, un Golden Globe e di un Grammy Award nel 1965.

Credete a me che sono mamma, queste musiche sono un classico dei saggi di danza tutt’ora!

  • Il Re Leone: un film del 1994. Le canzoni sono scritte da: ” Elton John e Tim Rice ” e le musiche sono di : ” Hans Zimmer.

Ha vinto il Oscar come migliore colonna sonora Hans Zimmer; e come migliore canzone: Elton John e Time Rice.

Golden Globe: colonna sonora originale e migliore canzone originale.

  • La Bella e la Bestia: film uscito nel 1991.

Le musiche sono composte da ” Alan Menken ” e i testi da ” Howard Ashman.

La colonna sonora ha vinto il Golden Globe per la migliore canzone originale, L’Oscar alla miglior canzone e i Grammy alla migliore canzone scritta per un film o altri media audiovisivi; il Grammy alla migliore interpretazione vocale di gruppo.

  • Il gobbo di Notre Dame: film del 1996.

La colonna sonora è di ” Alan Menken “, mentre i temi musicali sono sia di ” Alan Menken ” che di ” Stephen Schwartz “.

  • Pocahontas: film del 1995. Colonna sonora di ” Alan Menken “.
  • Pinocchio: prima uscita del film nel 1940.

Colonna sonora di ” Leigh Harline “, ” Paul J. Smith ” e ” Ned Washington “.

Vincono l’Oscar nel 1941.

A questo film sono molto legata, ho iniziato a guardarlo quando facevo la bambinaia a una bimba di allora tre anni; che ogni volta che tornava dall’asilo puntualmente voleva la videocassetta di Pinocchio. Alla fine mi sono affezionata anche io, e quando più avanti sono diventata mamma, l’ho comprato per mia figlia.

  • La spada nella roccia: film del 1963. Le musiche sono di ” George Bruns “.
  • Fantasia: film del 1940.

Tutte le musiche sono state eseguite dalla ” Philadelphia Orchestra ” condotta da ” Leopold Stokowiski “.

Troviamo musiche di Bach; Cajkovskij; Paul Dukal; Stravinsky: Beethoven; Amilcare Ponchielli; Schubert.

Le musiche di questo film mi piacciono particolarmente. Chissà perché? 😉

  • La bella addormentata nel bosco: film del 1959. Le musiche sono di: ” George Bruns “.
  • La carica dei cento e uno: film 1961. Le musiche sono di ” George Bruns “.

 

Credo di aver finito, ora dovrei nominare, invece io invito tutti quelli che ci tengono a partecipare a farlo.

  • Le informazioni sulle colonne sonore e compositori di canzoni sono state reperite nel web, la maggior parte in Wikipedia.

 

 

 

 

Ci provo anche io!

Da quando mio figlio ha iniziato a guardare i cartoni, da subito ha mostrato la sua preferenza assoluta per “Paperino”.

Abbiamo provato a fargli vedere anche le altre proposte; ma niente il suo personaggio per il momento rimane lui.

E così succede, che anche noi genitori ogni volta che troviamo un : fumetto, o una maglia, o un pupazzo, ce lo portiamo a casa! Se a lui piace, farà piacere.

Domenica scorsa abbiamo partecipato ad un mercatino vintage, organizzato da un locale nelle vicinanze del nostro paese.

Fra i vari espositori di abiti, gioielli, vinili, libri e altro ancora; c’era una ragazza: Manuela Blengino , che crea gioielli con materiale di recupero.

Aveva un’intera linea dedicata alla Disney e i suoi personaggi; naturalmente l’occhio è caduto subito su Paperino, anche se il bambino era a casa.

Ho acquistato da lei un braccialetto per me, che mi piace tantissimo, e non mi vergogno a dirlo, tutt’altro: lo trovo molto modaiolo.

Nello stesso istante in cui lo stavo pagando me ne sono accorta che sembrava abbastanza facile da realizzare; e così mi sono detta: Ci provo anche io!

Il giorno dopo ho preparato tutto il materiale occorrente e mi sono messa all’opera. Non ho dovuto comprare niente, per fortuna avevo tutto il necessario.

Ho provato a interpretare/ copiare la collana da abbinare al braccialetto acquistato, ed un’altro braccialetto per mia figlia più grande.

Tranquilli cari lettori, non ho intenzione di rubare il lavoro a nessuno, a volte però noi che manchiamo di creatività  prendiamo spunto, e con quello ci accontentiamo 😉

Il risultato è quello che vedrete nella foto.

Se invece siete interessati a sbirciare o ad acquistare le creazioni di Manuela Blengino cercatela su facebook, oppure in google, digitando il suo nome potrete subito vedere le immagine con i suoi lavori.

Mi sa che queste cose mi piacciono! E poi l’ allegria di un bimbo che vede la mamma con collana e bracciale di Paperino è ineguagliabile.

DSC_0009.JPG

In foto: Paperino, il fumetto di Paperino, bracciale e collana a tema Paperino. Non è originale come regalo?

cooltext1922558938

Ricettario letterario: i piatti dei nostri scrittori / Recetario literario: los platos de nuestros escritores

Le ricette che vi propongo oggi, si, perché questa volta ce ne più di una; sono tratte dal libro: “La metà di niente “ di Catherine Dunne.

Ai fornelli, oggi si cucina tanto!

Quiche e pane

Aveva deciso di preparare tre quiche diverse: prosciutto e zucchine, salmone affumicato e panna; e vegetariana. I tipi di pane le aveva scelti sfogliando i libri di cucina riposti da molto tempo sugli scaffali.

Panini integrali, pane al latte, focaccine alle mandorle e focaccia pasquale russa.

Aveva le mani affondate fino ai gomiti nella farina.

Impastò a fondo panini integrali. Mentre impastava programmò baguette, ciambelle fatte in casa, pagnotte di segale.

La sua foto non sarebbe mai finita sul giornale, ma forse, chissà, sarebbe riuscita a guadagnarsi da vivere con i comuni, semplici, umili panini integrali.

Anatra brasata

La mattina presto Rose aveva già dato una prima cottura all’anatra brasata. Adesso era arrivato il momento di trasferire le due enormi casseruole de ghisa nel forno. I funghi andavano aggiunti quasi all’ultimo, e c’era da preparare la gelatina. Infine avrebbe rappreso la salsa con beurre manié un istante prima di servire, e sarebbe stata impeccabile.

contorni consistevano in spinaci alla noce moscata e patate novelle con burro al prezzemolo. Gli spinaci andavano lavati foglia per foglia. Una volta cotti bisognava saltarli in un composto di burro, pepe nero e noce moscata.

Per il momento si concentrarono sul primo piatto: Pain de sole; stratti di sogliola al limone e farcitura alle erbette.

Come minimo un’ora e mezzo di preparazione, da servire con salsa mousseline.

Catherine Dunne

image.jpg

Las recetas que les propongo hoy, las saquè del libro: “La mitad de nada ” de Catherine Dunne.

A los hornillos, que hoy se cocina!

Quiche ( tortas saladas ) y Panes

Habìa decidido de preparar tres diversos tipos de quiche: jamòn y zuchinis, salmòn ahumado y crema; vegetariana. Los tipos de panes los habìa elegido hojeando los libros de cocina que hacìa ya rato estaban depuestos en el estante.

Sàndwiches integrales, pan de leche, pastel con almendra y pastel de pascua ruso.

Tenìa las manos hundidas hasta los codos en la harina.

Amasò a fondo los panes integrales. Mientras amasaba programò baguettes, rosquillas hechas en casa, pane de centeno.

Su foto quizàs nunca saldrìa en un periòdico, pero a lo mejor iba a lograr ganarse de vivir con comunes, simples y humildes sandwichitos integrales.

Pato elaborado a fuego lento

A la mañana temprano Rose ya le habìa dado una primera cocciòn al pato. Ahora habìa llegado el momento de transferirlo en dos enormes cacerolas de guisa, y ponerlas al horno. Los hongos se agregaban casi al final y se debìa preparar tambièn la gelatina. Al final necesitaba reducir la salsa con beurre manié. Y todo habrìa sido impecable.

Los contornos consistìan en espinaca a la nuez moscada, papas con manteca al perejil. Las espinacas iban lavadas hojas por hojas.

Una vez cocinadas necesitaba saltarlas en un compuesto de manteca, pimienta negra y nuez moscada.

Por el momento se concentraban en el primer plato: Pain de sole, trozos de suela al limòn con un relleno de hierbas.

Como mìnimo una hora y media di preparaciòn, para sevir con salsa mousseline.

Catherine Dunne

Traducciòn al español cooltext1922558938

Universo

Nella mia mente mi ripeto sempre che non esistono persone felici, non come vogliono far credere o vedere.

E poi penso, magari si, loro ci riescono. Il problema sono io.

Abbastanza esigente in tutto: come donna in primo luogo, come moglie e come madre.

Una che di tutto trova di che lamentarsi, che il lato positivo delle cose non riesce proprio a vederlo.

Una a cui la routine la ammazza.

Il passato che è sempre presente.

I ricordi che mi assillano e la angoscia che sale.

Il libro che avrei bisogno di leggere e non ho il tempo di andare a comprare; perché in libreria ho bisogno di andare da sola.

Glia anni che passano e il dolori che aumentano; ferite che non si chiudono, e l’universo mi sembra ogni volta più grande, immenso; ed io sempre più piccola, minuscola, quasi invisibile.

foto-donna-in-stile

Immagine trovata in internet, donna con stile che legge, per Vogue

En mi mente me repito siempre que no existen personas felices, no como quieren demostrar o hacer ver.

Y despuès pienso, a lo mejor sì, ellos pueden. El problema soy yo.

Bastante exigente en todo: como mujer en primer lugar, como esposa y como madre.

Una que de todo encuentra siempre de que lamentarse, que el lado positivo de las cosas no llega propio a verlo.

Una a la cuàl la rutina la mata.

El pasado que està siempre presente.

Los recuerdos que me invaden y la angustia que aumenta.

El libro que necesitarìa leer y no tengo el tiempo de ir a comprar, porque a la librerìa necesito ir sola.

Los años que pasan y los dolores acumulados; heridas que no cierran, y el universo me parece cada vez màs grande, inmenso; y yo siempre màs pequeña, minùscula, casi invisible.

cooltext1922558938

Una, tutte / Una, todas

Osservami con attenzione

nella solitudine dei tuoi pensieri.

Osservami anche quando dormi

nei tuoi sogni.

Voglio essere il tuo giorno

e la tua notte.

Il primo caffè della mattina,

e il primo respiro della primavera.

Voglio essere la stagione,

ogni una di loro.

DSC_0387.JPG

Obsèrvame con atenciòn

en la soledad de tus pensamientos.

Obsèrvame mientras duermes,

en tus sueños.

Quiero ser tu dìa

y tambièn tu noche.

El primer cafè de la mañana,

y el primer respiro de la primavera.

Quiero ser tu estaciòn,

cada una de ellas.

cooltext1922558938