Il fatto / El hecho

Che cosa è che non capisci? Avrebbe voluto chiedergli.

E andò avanti così per un po’ a riflettere a voce alta:

– Accaso non sai che una donna ha bisogno di attenzioni per sentirsi amata, ma che dico amata, voluta?!

Possibile che ogni volta devo darti del coglione, devo pensare che ti manca qualcosa.

O forse non ti interesso più? Non mi vedi come alle altre donne?

Vedi, vorrei anche io portare i tacchi alti dalla mattina fino a sera, per non parlare delle unghie e del trucco! Ma sappiamo entrambi che è impossibile.

Perché io, ho sempre qualche piatto da sciacquare, le occhiaie profonde perché non dormo a sufficienza, i figli da accudire e qualche camicia da stirare. E per ultimo tocca a me: che dovrei sistemarmi in fretta, altrimenti rimaniamo a casa…

E a casa io rischio di soffocare.

-Non puoi metterci tutto questo tempo a vestirti! Mi ripeti ogni volta.

E rimango in silenzio per evitare un litigio, che sarà solo rimandato alla fine.

Il fatto è che ti amo in modo innaturale, quasi irreale.

Ma a volte mi chiedo: di cosa ridevamo all’inizio? E perché adesso non ridiamo più?

Cosa è cambiato in te?

E cosa è cambiato in me?

Tutto questo e altro ancora era importante per lei, sentiva il bisogno disperato di sapere; ma un dubbio la attanagliava: e se fosse tutto vero?

Decise che forse non era il caso di sapere, almeno non oggi, ci sarà un’altra occasione. C’è sempre un’altra occasione!

donna-casalinga_280x0

Què cosa es que no entiendes? Sentìa ganas de preguntarle.

Y continò asì por un indefinido momento a reflexionar en voz alta:

-Es que acaso no sabes que una mujer necesita de atenciones para sentirse amada? Que digo amada, querida!

Posible que cada vez me toque pensar que sos un pelotudo, que te hace falta algo?

O quizàs el problema es que no te intereso màs? No me ves còmo a las otras mujeres?

Ves: me gustarìa a mì tambièn estar con los tacos altos de la mañana a la noche; y ni hablar de tener la uñas arregladas y el maquillaje perfecto. Pero los dos sabemos que es imposible.

Porque siempre tengo algùn plato de enjuagar, ojeras marcadas porque no duermo lo suficiente, los niños de acudir y alguna camisa de planchar; y por ùltimo, sòlo por ùltimo vengo yo, per que debo hacer ràpido porque sino no salimos…

Y yo en casa corro el riesgo de sofocar.

-No podès emplear todo èste tiempo para cambiarte! me repites cada vez.

Y yo callo para evitar una discusiòn, que al final serà sòlo postergada.

El hecho es que te amo en modo irracional, casi irreal.

Pero a veces me pregunto:

-De què reìamos al principio? Y por què ahora no reìmos màs?

Què ha cambiado en tì?

Y què ha cambiado en mi?

Todo èsto y màs era importante para ella y sentìa una fuerte necesidad de saber; pero a la vez una duda la tormentaba: Y si fuera todo verdad?

Decidiò entonces que no era el momento de saber, no hoy, quizàs en otra ocasiòn. Hay siempre otra ocasiòn!

cooltext1922558938

 

Annunci

8 pensieri su “Il fatto / El hecho

  1. La vita è faticosa anche perchè è in costante movimento e si è costretti a tenere il passo. Comicamente, a cominciare dal PC su cui stiamo scrivendo. Si è costretti continuamente ad aggiornarlo. Così i rapporti. Noi crediamo di averli stabiliti, ma nello stesso momento già stanno cambiando. E richiedono adeguamento. Così è con le stagioni, con i rapporti di coppia o con gli amici… È un eterno squilibrio da cercare di riequilibrare. Di volta in volta. Con serenità, la quale non c’è sempre, ahimè, e manca proprio quando più sarebbe necessaria.

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...