Meno domande / Menos preguntas

Cercai dentro la tazza di tè tutte le risposte alle miei domande: non c’erano.

Trovai invece serenità, calma, fragranza, eleganza. Sentivo che ad ogni sorso bevuto si placcavano le mie ansie.

Così mi innamorai sempre di più di questa bevanda e pian piano dimenticai le domande.

43bbcc952af546374fa8b008267512d1.jpg

Immagine da Pinterest

Habìa buscado dentro a la taza de tè todas las respuestas a mis preguntas: no estaban.

Encontrè en cambio serenidad, calma, fragancia, elengancia. Sentìa que a cada sorzo tomado se placaban mis ansias.

Asì me enamorè siempre màs de la bebida y de a poquito fui olvidando las preguntas.

Vanina Rodrigo

 

Tu canciòn

Te falta todo lo que a mì me sobra

una guitarra flamenquera

y un buen par de caderas.

Un callejòn oscuro

para encarar sin disimulo,

que desdicha la tuya

cuànta lucha

imitar a èsta mujer

quererte parecer.

Otra nota màs se pierde

mientras la noche

se acaba

no te quedes sentada

y regala esa mirada

a aquel aventurero

amante del dinero;

hazlo enloquecer

sedùcelo con pasiòn

que se enamore de tu canciòn.

Vanina Rodrigo

 

a6e05532d483641e4d205085cb2c9d43.jpg

Immagine da Pinterest

*Perdoneranno i miei lettori di lingua italiana, ci ho provato a tradurre questa poesia, però perdeva ogni significato.

 

Aria e radice / Aire y raìz

Io che ho la lacrima facile

la sensibilità di una bambina

non mi vergogno.

Sono lucidi cristalli a scivolare dai miei occhi

quando il cuore stringe forte il petto.

E la storia si ripete

quando sembrava ormai svanita, questa storia

fatta di dolori che perpetuano in una esistenza altalenante

e per un attimo riesco a toccare il cielo e la terra,

due colori così diversi.

E sono aria e radice.

E a tratti riesco a volare lontano da tutti,

per poi tornare più forte di prima

e rimanere salda in questa vita

a giocare un’altra partita.

facc0cb1a9d129864e0f0ab5cdd08b76.jpg

Immagine da Pinterest

Yo que soy de làgrima fàcil

con la sensibilidad de una niña

no me averguenzo.

Son lùcidos cristales

los que resbalan por mis ojos

cuando el corazòn aprieta fuerte el pecho.

Y la historia se repite cuando parecìa ya desvanecida,

una historia hecha de dolores que perpetuan en una vida

oscilante , y por un momento logro tocar el cielo y la tierra:

dos colores tan distintos.

Y soy aire y raìz.

Y puedo volar lejos de todos

para luego volver màs fuerte que antes

y quedarme firme en èsta vida

a enfrentar un nuevo desafìo.

Vanina Rodrigo

 

 

A modo mio

Tante cose rappresenta l’autunno per me che fa si che mi accomuni a tanti di voi.

E’ vero stamattina c’è la nebbia e non è un bel vedere, ma io ho finito di farmi le tende della cucina e non ho mai visto quella finestra bella come oggi, adesso anche lì c’è un pezzo di me.

Ottobre è il mese in cui si ricomincia a leggere ( sul serio ), intendo letture un po’ più impegnative di quelle dei mesi precedenti. Ho iniziato: ” Nessuno può volare ” di Simonetta Agnello Hornby; per ora si presenta interessante. E una autrice che mi colpisce ogni volta, a tratti la trovo piena di sé, ma in questo libro viene fuori il suo lato più umano, quello di una mamma, se leggerete il libro capirete il perché del titolo.

Ma passiamo alle cose importanti, in autunno vediamo tante zucche, io non sono una che festeggia Halloween, però amo preparare torte e biscotti, per me è come amare in silenzio. La mia torta di zucca è durata giusto il tempo di una foto ( trovate la ricetta sulla mia pagina Facebook: @vaninagrodrigo ).  Potete anche dargli un like! 😉

Quando esco a camminare non lo faccio solo per fare sport, mi piace godermi l’intorno, i paesaggi colorati sono magici in questo periodo.

Da patita della moda quale sono, sto sempre attenta alle novità, cerco ispirazione continuamente, e tempo di pensare a caldi maglioncini e perché no provarli a fargli da sé?

Sono iniziate tutte le fiere, quelle dove si mangia e si beve tanto, dove ci sono le giostre per i bambini como attrazione principale; dove fra un a boccata d’aria fresca e l’altra un pezzo di cioccolato non fa mai male.

L’autunno sa tirare fuori la nostra creatività, la nostra voglia di fare riemerge dopo un lungo periodo di assenza, e lì che urla che vuole essere usata, e mica vogliamo non ascoltarla? Io ho iniziato da casa mia: piccoli cambiamenti che forse a Natale saranno finiti. L’importante è partire.

Cinema, mostre, teatro; c’è né per tutti i gusti, approfittatene ! Fate il pieno di cultura, che a guadagnare sarete sempre voi.

Non ho dimenticato le bevande calde calde: sono una patita dei tea, ultimamente in Italia stanno aprendo nuovi locali: tutti dedicati a questo tema, che ben si accompagna a dolcini vari.

La passione per la fotografia c’è l’ho da qualche tempo, prima mi accontentavo di guardare le belle foto che gli altri riuscivano a fare, adesso mi sono imposta di imparare qualche tecnica per ottenere uno scatto come piace a me. Vedremo…

Ma ottobre è soprattutto calore: profumati minestroni e vellutate gareggiano fra di loro, i primi fuochi che si accendono; e non dimenticate il dolce far niente, sdraiate su un divano ad ascoltare musica, insomma un tira e molla fra ciò che è stato e ciò che verrà.

Si, avete intuito bene, questa era la wishlist autunnale, tutta  “A modo mio “.

bfe47e983318b2a99b59a53d4ecde34f

Immagine da Pinterest

Vanina Rodrigo

 

Tacere / Callar

Quante parole bisogna tacere

perché al cuore duole

ascoltar ciò che non si vuole.

Menzogne mascherate

di mezze verità decorate.

E nessuno ha detto

che sarebbe stato facile

sopravvivere all’inferno

in questo duro inverno.

Lascio cadere questi versi

che sicuramente andranno persi

in memoria di chi lotta

per una vita dignitosa.

nuvole-volti-e-libri-01666777.jpg

Immagine dal web

Cuàntas palabras es necesario callar

porque al corazòn duele

escuchar lo que no se quiere.

Mentiras disfrazadas

de medias verdades decoradas.

Y nadie dijo que serìa fàcil

sobrevivir al infierno

en èste duro invierno.

Dejo caer èstos versos

que seguramente iràn perdidos

en memoria di quièn lucha

cada dìa por vivir una vida

en dignidad.

Vanina Rodrigo

 

Decorare/ Decorar

E’ decorazione l’arte, è volontà di esprimersi. ( Carmelo Bene )

Non c’è niente di più affascinante che mettersi alla prova nella decorazione di una tavola.

L’autunno con i suoi caldi colori, offre mille varietà e proposte per tirare fuori la nostra creatività al momento di ricevere.

Praticamente non si deve comprare niente, la natura tutto lo regala, abbinato alla fantasia di ogni uno il risultato è presto assicurato!

Vi auguro una colorata domenica, una fetta di torta ed una tazza di tè. 😉

DSC_0040.JPG

Foto personale

Vanina Rodrigo

 

Amo l’autunno / Amo el otoño

Amo l’autunno che mi permette

di reinventarmi.

Il suo calore e il suo tripudio di colori.

Le passeggiate lente, quasi musicali.

Il profumo di vellutate e minestroni

sui fornelli.

I pomeriggi fra una chiacchiera ed una

tazza di tè.

La sera sul divano, con libro e coperta.

L’inizio delle sagre,

le giostre per i bambini.

L’autunno è poesia pura

è un quadro dipinto dalla natura.

Esplode di colpo e nessuno

riesce a rimanere indifferente.

I lavori a maglia

e il tempo che sembra essersi fermato.

I vigneti e le sue sfumature

ed un bicchiere di vino rosso corposo.

Macchina fotografica sempre in mano

pronta per catturare attimi di bellezza.

Amo l’autunno perché sa trasmettere

senza nulla chiedere in cambio.

1916e4e17853be0bc1b39b1d215a86e5.jpg

immagine da Pinterest

Amo el otoño que me permite

de reiventarme.

Su calor y el triunfo de colores.

Los paseos lentos, casi musicales.

El aroma delicioso de una sopa

mientras se cocina.

Las tardes entre una charla y una

taza de tè.

La noche en el sillòn

con libro y frazada.

El comienzo de las fieras,

el luna park para los chicos.

El otoño es poesia pura,

es un cuadro pintado por la naturaleza.

Explota de golpe

y nadie logra quedar indiferente.

Los trabajos de tejido y el

tiempo que parece detenerse.

La maravilla de los viñedos,

un vaso de vino tinto corposo.

Màquina fotogràfica en la mano

pronta a capturar un instante de belleza.

Amo el otoño porque sabe transmitir

sin nada pedir en cambio.

Vanina Rodrigo