Tan vos y yo

Poesìa es:

tu mirada puesta en la mìa;

dos lìneas manchadas por tinta de lapicera

como làgrimas por el desamor.

Jugar a las escondidas,

escaparse y volverse a buscar.

Tan locos, tan necios, tan amantes,

tan vos y yo.

2fd0df7772ccb6f36d5f169f74fa2047.jpg

Immagine da Pinterest

Vanina Rodrigo

 

Treccia di Pasqua / Rosca de Pascua

Mancano ancora alcuni giorni a Pasqua, ma i dolci tradizionali è sempre meglio sperimentarli in anticipo, soprattutto se vorrete proporli ai vostri amici o parenti.

Questa ricetta è di Stefano Cavada, io ho dovuto modificarla leggermente perché non avevo tutti gli ingredienti a casa, comunque vi riporto entrambi le versioni.

Dovete sapere che il risultato è come quello di un pane dolce, quindi potete scegliere se aggiungere creme prima, o semplicemente mentre lo mangiate.

Ingredienti / Ingredientes

1 bustina di lievito ( 7g ) o un cubetto ( 25 g ), io ho usato il cubetto / 1 sobrecito de levadura ( 7gr ) o un cubo de ( 25 gr ) yo usè el cubo.

2 cucchiaini di zucchero / 2 cucharaditas de azùcar

75 ml di latte / 75 ml de leche

 

Impasto / Masa

300 g di farina per panettone ( io Manitoba ) / 300 gr de harina para pan dulce ( yo Manitoba )

40 g di burro morbido, temperatura ambiente / 40 gr de manteca a temperatura natural

2 cucchiai di zucchero di canna o a velo ( io a velo ) / 2 cucharadas de azùcar de caña o impalpable ( yo impalpable )

Scorza di un limone biologico / Ralladura de un limòn biològico

1 baccello di vaniglia ( io no ) / Vainilla ( yo no )

1 pizzico di sale / 1 pizca de sal

5 ml di grappa ( io vecchia romagna, non avevo altro ) / 5ml de grapa ( yo brandy )

 

Per decorare

1 uovo / 1 huevo

granella di zucchero ( io di nocciola ) / azùcar en granos 

 

Procedimento:

Sciogliete il lievito con lo zucchero nel latte tiepido. / Derretir la levadura con el azùcar en la leche tibia.

Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, aiutatevi con una planetaria inserendo il gancio. Fate lievitare per 50′. / Amasar todos los ingredientes hasta obtener una masa lisa y compacta, con la ayuda de un robot amasador con gancho inserido. Dejar leudar por 50′.

Dividere l’impasto in tre, creare dei lunghi salami e intrecciarli fra di loro. Chiudere la treccia a corona su una teglia con la carta da forno. Far lievitare ancora 50′. / Dividir la masa en tres partes, formar largos salames y trenzarlos, cerrar la trenza a forma de corona, colocarla en una fuente con papel de horno, dejar leudar otros 50′ màs.

Spennellare l’uovo sbattuto e cospargere con la granella di nocciola o zucchero. Infornare a 170° per 30′. / Pincelear la rosca con el huevo batido, agregar arriba la decoraciòn deseada. Hornear a 170° por unos 30′.

IMG_20180320_1.jpg

Questo è il risultato! 😉

Vanina Rodrigo 

 

 

 

 

 

Torta primavera

Lo so, sto trascorrendo poco tempo ultimamente qui, ma non c’è da preoccuparsi, sono sempre operativa; a volte staccare fa bene ed è necessario!

Oggi vi propongo un ricetta semplice e veloce, di grande impatto e molto buona al palato.

Immaginatevi comodamente seduti fuori, in una mattina di primavera, con la tazza di caffè in mano e il cinguettio degli uccellini. Sembra un sogno, ma questi giorni arriveranno, e  quindi meglio essere preparati. 😉

Ingredienti:

Per la base della torta

2 uova

100 g di zucchero

150 g di farina

50 ml di latte

50ml di olio

8g di lievito per dolci

Lavorate le uova con lo zucchero, poi incorporate lentamente la farina e unite prima il latte e poi l’olio, aggiungete anche il lievito.

Trasferite il composto in una tortiera ( meglio se di crostata ), questa è una base che deve rimanere bassa.

Infornate a 180° per 20/ 25′

Lasciate raffreddare

Per la crema all’arancia

Il succo di due o tre arance

130g di zucchero

50g di burro

50 g di Amido di maiz

In un pentolino mettete l’amido di maiz e incorporate un po’ alla volta il succo delle due arance spremute, lavorate con una frusta finché non ci saranno più grumi.

Aggiungete ora lo zucchero e accendete il fuoco, a fiamma bassa, girate continuamente, incorporate il burro, continuate a mescolare finché la crema si sarà addensata al punto giusto.

Lasciate raffreddare.

Ottima anche al cucchiaio!

Per la decorazione

2 kiwi

1 banana

2 mandarini

gelatina o marmellata di albicocche

*Naturalmente potete utilizzare la frutta che preferite.

Prendete la torta e spalmateci sopra la crema all’arancia, poi sistemate la frutta fresca tagliata in modo regolare.

La vostra torta è pronta!

IMG_20180314_1.jpg

Il risultato finale

Vanina Rodrigo

 

Come farfalle in primavera / Como mariposas en primavera

Lo so che mi guardi

osservi da lontano

a volte mi prendi per mano

riesco a sentire che mi afferri

per poi lasciarmi andare

e volare libera

come una farfalla in primavera.

29b6109faf474dff304da0fe02dc644c.jpg

Immagine da Pinterest

Sè que me miras

observas desde lejos

a veces me tomas la mano

puedo sentir que la aprietas

para despuès dejarme ir

volar libre

como una mariposa en primavera.

Vanina Rodrigo

 

Donna coi tacchi / Mujer con zapatos de tacos

Donna ogni giorno, con tutto il mio essere, con le mie lune storte, ma sempre pronta a vedere sorgere il sole.

Donna sempre di più, con il passare degli anni e i cambiamenti, che ho imparato ad affrontare e ad apprezzare.

Donna che ha donato vita, e vita ha perso.

Donna fragile, che si spezza facilmente e altrettanto velocemente si ricompone.

Perché quello siamo.

Metti insieme i pezzi del puzzle e vedrai: un viso, un corpo, una sposa, una casalinga; le lacrime, i sorrisi, i giochi; i fuochi d’artificio! ( nel bene, nel male ) 😉

Donna così, imprevedibile, autentica e  in piedi sopra un paio di tacchi naturalmente!

1419592811-heels-work

Immagine dal web

Mujer cada dìa, con todo mi ser, con mis lunas torcidas, pero siempre dispuesta a ver surgir el sol.

Mujer cada vez màs, con el pasar de los años, con el cuerpo que se transforma, con los cambiamentos, que he aprendido a aceptar y hasta apreciar.

Mujer que vida donò y vida perdiò.

Mujer fràgil, que se rompe fàcilmente y velozmente se recompone.

Porque eso somos.

Junta las piezas del rompecabezas y veràs una cara, un cuerpo, una esposa, una madre, una ama de casa; las làgrimas, las sonrisas y los juegos, los fuegos artificiales! ( en el bien y en el mal )

Mujer asì, impredecible, autèntica y parada arriba de un buen par de  zapatos de tacos naturalmente!

Vanina Rodrigo

 

Plumcake al tè e uvetta

Si avvicina la Festa della Donna, volete una torta, ma la mimosa è troppo elaborata per voi?

Ho la soluzione che fa al caso vostro, un dolce ideale per prendere il tè insieme ad amiche e festeggiare così in compagnia questa giornata fra una chiacchiera e l’altra in dolcezza.

Ingredienti:

200 g di farina

200 g di zucchero di canna

200 g di burro

1 bustina di lievito per dolci

scorza di un limone

una bustina di tè ( earl grey o simili )

uvetta 150 g più o meno

3 uova

Procedimento

Scaldate l’acqua per il tè, quando sarà pronta immergete la bustina di tè e lasciate riposare, dopo un po’ aggiungete al tè l’uvetta e prelevate cinque cucchiai di tè e trasferite in un bicchiere.

Ora lavorate il burro ammorbidito con le fruste o sbattitore finché diventa spumoso, aggiungete lo zucchero e poi le uova una ad una e continuate a lavorare con le fruste/ sbattitore.

Incorporate un po’ per volta la farina e il lievito setacciato , quando sarà necessario prendete il bicchiere con il tè e iniziate a incorporarlo, dopo grattugiate la scorza di un limone; e per ultimo bisognerà aggiungere anche l’uvetta, che prima avrete tolto dal tè e asciugato con della carta da cucina, all’occorrente passatele per la farina.

Trasferite ora il composto in una teglia da plumcake foderata con la carta da forno.

Infornate a 150° per 50′ circa, si consiglia di non aprire il forno prima, rischio lo sgonfiamento del plumcake 😉 , fate la prova dello stecchino. Lasciate raffreddare in una griglia.

Plumcake al tè e uvetta

Vanina Rodrigo

 

 

 

 

Perdonami

Non riesco a cancellare la tua voce

mi sussurra dentro,

balbetti.

E sei di nuovo qui.

Mi chiedo come sia possibile

dopo tanti anni

mantenerti vivo.

Non riuscirò mai a lasciarti andare.

Perdonami.

download

Immagine dal web

No logro cancelar tu voz

me susurras adentro,

balbuceas.

Y estàs de nuevo aquì.

Me pregunto como sea posible

despuès de tantos años

mantenerte vivo.

Nunca te dejarè ir de verdad.

Perdòname.

Vanina Rodrigo